L’Italia ha bisogno di recuperare il terreno perduto. L’intervista di Irene Pivetti per Class Editori

L’Italia ha bisogno di recuperare il terreno perduto. L’intervista di Irene Pivetti per Class Editori

“Quando parlo con le controparti cinesi mi accorgo che per loro Europa vuol dire principalmente Germania. Ai porti ferroviari cinesi entusiasti per gli 8-9 treni verso il Vecchio Continente, ricordo gli altri Leggi di più

Venerdì 8 Novembre a Foggia la giornalista Serena Marchi presenta il suo  Pink Tank. Donne al potere. Potere alle donne (Fandango, 2019).

Venerdì 8 Novembre a Foggia la giornalista Serena Marchi presenta il suo  Pink Tank. Donne al potere. Potere alle donne (Fandango, 2019).

Da oltre settant’anni le cittadine italiane attendono che la nostra Repubblica esprima finalmente una Presidente del Consiglio o una Presidente della Repubblica, che i partiti riescano a nominare una Segretaria generale (per Leggi di più

Genova, Italia Madre e Irene Pivetti incontrano Marco Bucci

Genova, Italia Madre e Irene Pivetti incontrano Marco Bucci

Nel pomeriggio di lunedì 28 ottobre la Presidente del partito Italia Madre, Irene Pivetti, insieme al coordinatore provinciale Fabrizio Belotti e al gruppo di Italia Madre Genova, ha incontrato il sindaco Marco Leggi di più

Trieste, Forum Pietrarsa 4: Via della Seta e strategia per il Sistema Paese

Trieste, Forum Pietrarsa 4: Via della Seta e strategia per il Sistema Paese

Rassegna Stampa: Il posto dell’Italia sulla Via della Seta, il Forum di Pietrarsa https://www.mokazine.com/read/mobilitypress/mobility-magazine-216 https://www.teleborsa.it/AMP/News/2019/10/24/trieste-forum-pietrarsa-4-via-della-seta-e-strategia-per-il-sistema-paese-15.html https://www.teleborsa.it/News/2019/10/24/forum-pietrarsa-irene-pivetti-per-sopravvivere-l-industria-deve-giocare-la-partita-del-treno-93.html#.XbQixpozbb0 http://www.trasportoeuropa.it/index.php/home/archvio/44-ferrovia/20879-sicurezza-ferrovie-riforma-da-rivedere https://www.ferpress.it/trieste-porta-deuropa-sfida-via-della-seta-pietrarsa-ricette-rilancio-crescita-corridoio-euroasiatico/ https://www.ilfriuli.it/articolo/economia/trieste-e%E2%80%99-in-linea-con-i-desiderata-del-governo/4/208557 https://it.finance.yahoo.com/amphtml/notizie/trasporti-trieste-la-iv-edizione-del-forum-di-131420002.html https://it.finance.yahoo.com/amphtml/notizie/trasporti-al-via-trieste-il-forum-di-pietrarsa-133818832.html http://www.ansa.it/amp/friuliveneziagiulia/notizie/2019/10/24/infrastrutturede-michelitrieste-collettore-tra-est-e-ovest_d86d4348-20d3-4383-bb60-622140de39fc.html https://www.ilfriuli.it/amp/articolo/economia/trieste–cerniera–per-un-paese-competitivo/4/208516 https://www.teleborsa.it/AMP/News/2019/10/25/forum-pietrarsa-4-d-agostino-non-solo-porto-ma-anche-ferrovia-e-ambiente-25.html http://oggitreviso.it/sfida-del-mercato-eurasiatico-217764 https://www.trasporti-italia.com/mare/corridoio-euroasiatico-porto-di-trieste-in-lizza-nella-sfida-per-conquistare-quote-sulla-via-della-seta/40417?view=amp https://www.ilmessaggero.it/AMP/economia/forum_pietrarsa_irene_pivetti_per_sopravvivere_l_industria_deve_giocare_la_partita_del_treno-4818561.html https://www.teleborsa.it/AMP/News/2019/10/24/trieste-forum-pietrarsa-4-via-della-seta-e-strategia-per-il-sistema-paese-15.html https://formiche.net/2019/10/davite-boccia-trieste-assoferr/ Leggi di più

Regionali 2020, nei comitati “post Morandi” scattano i primi posizionamenti

Regionali 2020, nei comitati “post Morandi” scattano i primi posizionamenti

Italia Madre è orgogliosa di accogliere come proprio rappresentante per Genova Fabrizio Belotti, un cittadino che di fronte all’emergenza ha saputo da subito schierarsi a fianco di chi rischiava di essere dimenticato: Leggi di più

 

Adesioni 2018

Utilizza la tua carta di credito o il tuo conto Paypal

Puoi iscriverti anche effettuando un bonifico bancario

Intestazione: ITALIA MADRE
Banca: Intesa San Paolo
Codice IBAN: IT57 K030 6905 0201 0000 0063 562
Codice BIC Swift: BCITITMM

ATTENZIONE: Per una sicura attribuzione del tuo versamento ai fini dell’adesione, scrivi nella causale il NUMERO D’ORDINE che compare nella scheda di riepilogo a conclusione dell’ordine.

L’Italia ha bisogno di recuperare il terreno perduto. L’intervista di Irene Pivetti per Class Editori

“Quando parlo con le controparti cinesi mi accorgo che per loro Europa vuol dire principalmente Germania. Ai porti ferroviari cinesi entusiasti per gli 8-9 treni verso il Vecchio Continente, ricordo gli altri 9 treni persi  e da recuperare attraverso una relazione più stretta con l’Italia”.

Irene Pivetti, dallo scorso giugno alla presidente di Assoferr, l’associazione che riunisce il mondo del cargo ferroviario italiano, va dritta al punto parlando con classxhsilkroad.it  in occasione della quarta edizione del  Forum di Pietrarsa in calendario quest’anno  a Triste il 24 ottobre.

L’Italia spiega, ha bisogno di recuperare il terreno perduto. In passato il Paese ha scontato la necessità di far coincidere l’interesse nazionale con quello del principale incumbent dell’auto, prediligendo quindi il trasporto su gomma. Oggi che il ruolo di Fca è meno preponderante si continua a faticare. “L’Italia ha abdicato al ruolo della ferrovia”,  spiega Pivetti, “Ma una filiera industriale deve poter contare su un efficiente trasporto ferroviario, occorre quindi ribaltare la situazione”.

Assoferr non manca di indicare soluzioni. Una guarda alla Svizzera, dove le aziende hanno il diritto di richiedere la costruzione di binari direttamente negli stabilimenti per facilitare il trasporto merci. “Da noi è avvenuto l’esatto opposto”, lamenta  l’ex presidente della Camera. ”Le grandi opere sono importanti, ma ancora di più lo sono le mille piccole opere di efficientamento della rete.

Soltanto così, fornendo le infrastrutture portuali di adeguati collegamenti,  l’Italia potrà a pieno guardare a Oriente. Occorre però giocare d’anticipo per spostare verso l’Europa del Sud  i flussi. Il porto di Trieste, uno degli scali indicati dalla Ue come prioritari nei collegamenti con l’Asia,  rischia ora la concorrenza del Pireo, controllato dal 2016 dai cinesi di Cosco. “Occorre anticipare le iniziative greche per colmare il gap in infrastrutture ferroviarie che oggi rendono difficile il trasporto merci dalla Grecia all’Europa  centrale, così da non perdere la competitività di Trieste”, sottolinea  ancora Pivetti.

Il Forum avrebbe dovuto affrontare anche il nodo Bielorussia, Paese chiave per snellire la circolazione ferroviaria evitando di saturare le linee polacche nelle tratte verso la Russia e la Cina.

Un’ultima considerazione riguarda la firma del memorandum d’intesa con Pechino per  la cooperazione lungo la nuova Via della Seta. “Da dieci anni mi occupo di Cina, ancora di recente abbiamo parto un business center  a Tianjin. Il protocollo va nella giusta direzione per creare una leale e corretta gestione dei rapporti con la Cina”.

–> per lo speciale sul forum di Pietrarsa e per tutte le interviste, vi invitiamo a consultare il quotidiano online Mobility Press: https://www.mokazine.com/read/mobilitypress/mobility-magazine-216

Venerdì 8 Novembre a Foggia la giornalista Serena Marchi presenta il suo  Pink Tank. Donne al potere. Potere alle donne (Fandango, 2019).

Da oltre settant’anni le cittadine italiane attendono che la nostra Repubblica esprima finalmente una Presidente del Consiglio o una Presidente della Repubblica, che i partiti riescano a nominare una Segretaria generale (per ora l’unica segretaria di partito è Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia) e che finalmente in Parlamento siedano un numero rappresentativo e congruo di donne. Qual è il motivo di un tale ritardo che fa precipitare l’Italia agli ultimi posti in Europa (e non solo) quando si tratta di rappresentanza politica delle donne?

Quali sono le difficoltà che incontrano le donne italiane quando decidono di impegnarsi in politica? E cosa si aspettano? Quanto è tangibile ancora questa disparità in termini di potere? Serena Marchi lo ha chiesto direttamente a loro: deputate, senatrici, firmatarie di leggi, Presidenti della Camera, attiviste e militanti. Ha incalzato e riflettuto con loro sulla condizione delle donne e della leadership al femminile nel Belpaese. Non è stato facile convincerle a parlare di come hanno iniziato a fare politica, di cosa sognavano quando erano bambine, di come hanno dovuto combattere per farsi largo in un mondo che non le aveva considerate. Tra le protagoniste, l’ex Presidente della Camera Irene Pivetti.

per l’articolo completo https://www.statoquotidiano.it/05/11/2019/italia-il-potere-che-manca-serena-marchi-pink-tank/705642/

Irene Pivetti a Tagadà, La 7: il Centrodestra deve ritrovarsi, urge rilancio dell’economia italiana

Roma, 04 Novembre 2019 Irene Pivetti sul Centrodestra-

“Non esiste più e l’area moderata è la grande sconfitta di questa stagione. Guarderà a Renzi? Una parte dell’area moderata sicuramente sì, ma non tutta. E’ stata tenuta a stecchetto vent’anni con questo bipolarismo all’italiana, che ha tentato di opprimere la forza centrista e che ha generato il fenomeno dell’astensionismo. Da un punto di vista politico sarà interessante vedere se questo centrodestra si riequilibra o meno, come francamente mi auguro, perché il consenso moderato esiste e non è detto che passi tutto all’area renziana se non c’è feeling. Il vero tema comunque è la re-industrializzazione dell’Italia e il rilancio dell’economia: bisogna portare le imprese a esistere e resistere, creando utili e mettendole nelle condizioni di poter sopravvivere alla tassazione. Rischiamo di doverci azzuffare tra noi per gli ultimi bocconi di cibo serviti in un piatto sempre più piccolo, e la crisi dell’Ilva ne è solo uno degli ultimi esempi. Questa deve essere la priorità per chi governa e anche per l’opposizione.”

L' area centrista e moderata é stata ignorata per molto tempo, anche se ineliminabile. Vedremo cosa accadrà al futuro #centrodestra, noi come italia Madre ci siamo. #Renzi? Si, aria di centro ma tocca vedere quanto sia compatibile con le altre aree. La vera emergenza per l'Italia é una politica industriale efficace che produca utili e risorse. Il mio intervento a Tagadà

Posted by Irene Pivetti on Monday, 4 November 2019

Sulle elezioni in Emilia Romagna dichiara: “La partita in Emilia Romagna sarà molto importante, perché è una regione molto pesante da un punto di vista politico ed economico. Il test in Umbria è stato un clamoroso errore di comunicazione per la sinistra, perché ne ha fatto un test nazionale lasciandosi condizionare eccessivamente, alla D’Alema quando perse le elezioni regionali. L’Emilia è una regione strategica per lo sviluppo industriale ma anche infrastrutturale, essendo l’unica regione d’Italia attraversata da due dorsali ferroviarie rilevanti sia nella parte orientale che occidentale. Su Bonaccini? Se vuole restare in sella non basta che dica le cose belle che ha fatto, ma deve essere particolarmente persuasivo nell’indicare una strategia futura, concreta e non fatta di logiche di posizionamento, funzionanti solo nei salotti televisivi: qui parliamo del futuro delle famiglie e delle aziende – Sulla Bergonzoni: “Paradossalmente l’ipersemplificazione che deriva dall’appiattimento dell’area moderata potrebbe rivelarsi un asso nella manica per la Bergonzoni”.

#EmiliaRomagna: la sinistra troppo condizionata dalla sconfitta in #umbria, #bonaccini deve parlare concretamente delle intenzioni future, non solo del suo operato. Per la #bergonzoni sarà un vantaggio la mancanza della forza centrista e moderata di #centrodestra o alla fine si rivelerá una beffa? Il mio intervento per Tagadà

Posted by Irene Pivetti on Monday, 4 November 2019

Genova, Italia Madre e Irene Pivetti incontrano Marco Bucci

Nel pomeriggio di lunedì 28 ottobre la Presidente del partito Italia Madre, Irene Pivetti, insieme al coordinatore provinciale Fabrizio Belotti e al gruppo di Italia Madre Genova, ha incontrato il sindaco Marco Bucci per confrontarsi sulla problematica infrastrutturale, sullo sviluppo economico e territoriale.
Italia Madre Genova, insieme alla Presidente Pivetti e al Sindaco Marco Bucci si impegnano ad ascoltare e rispondere alle esigenze dei cittadini genovesi.

Servizio per telegenova:

Trieste, Forum Pietrarsa 4: Via della Seta e strategia per il Sistema Paese

Rassegna Stampa:

Il posto dell’Italia sulla Via della Seta, il Forum di Pietrarsa

https://www.mokazine.com/read/mobilitypress/mobility-magazine-216

https://www.teleborsa.it/AMP/News/2019/10/24/trieste-forum-pietrarsa-4-via-della-seta-e-strategia-per-il-sistema-paese-15.html

https://www.teleborsa.it/News/2019/10/24/forum-pietrarsa-irene-pivetti-per-sopravvivere-l-industria-deve-giocare-la-partita-del-treno-93.html#.XbQixpozbb0

http://www.trasportoeuropa.it/index.php/home/archvio/44-ferrovia/20879-sicurezza-ferrovie-riforma-da-rivedere

https://www.ferpress.it/trieste-porta-deuropa-sfida-via-della-seta-pietrarsa-ricette-rilancio-crescita-corridoio-euroasiatico/

https://www.ilfriuli.it/articolo/economia/trieste-e%E2%80%99-in-linea-con-i-desiderata-del-governo/4/208557

https://it.finance.yahoo.com/amphtml/notizie/trasporti-trieste-la-iv-edizione-del-forum-di-131420002.html

https://it.finance.yahoo.com/amphtml/notizie/trasporti-al-via-trieste-il-forum-di-pietrarsa-133818832.html

http://www.ansa.it/amp/friuliveneziagiulia/notizie/2019/10/24/infrastrutturede-michelitrieste-collettore-tra-est-e-ovest_d86d4348-20d3-4383-bb60-622140de39fc.html

https://www.ilfriuli.it/amp/articolo/economia/trieste–cerniera–per-un-paese-competitivo/4/208516

https://www.teleborsa.it/AMP/News/2019/10/25/forum-pietrarsa-4-d-agostino-non-solo-porto-ma-anche-ferrovia-e-ambiente-25.html

http://oggitreviso.it/sfida-del-mercato-eurasiatico-217764

https://www.trasporti-italia.com/mare/corridoio-euroasiatico-porto-di-trieste-in-lizza-nella-sfida-per-conquistare-quote-sulla-via-della-seta/40417?view=amp

https://www.ilmessaggero.it/AMP/economia/forum_pietrarsa_irene_pivetti_per_sopravvivere_l_industria_deve_giocare_la_partita_del_treno-4818561.html

https://www.teleborsa.it/AMP/News/2019/10/24/trieste-forum-pietrarsa-4-via-della-seta-e-strategia-per-il-sistema-paese-15.html

https://formiche.net/2019/10/davite-boccia-trieste-assoferr/

Regionali 2020, nei comitati “post Morandi” scattano i primi posizionamenti

Italia Madre è orgogliosa di accogliere come proprio rappresentante per Genova Fabrizio Belotti, un cittadino che di fronte all’emergenza ha saputo da subito schierarsi a fianco di chi rischiava di essere dimenticato: la zona arancione, ai confini dell’emergenza, fuori dalla luce dei riflettori, colpita dalla tragedia del Morandi quanto la più “famosa” zona rossa: case inabitabili, negozi chiusi, pericoli per la salute. Se accusiamo di arrivismo le persone in gamba, non c’è da stupirsi che le istituzioni siano oggi piene di dilettanti. Grazie Fabrizio!

Regionali 2020, nei comitati “post Morandi” scattano i primi posizionamenti

Regionali 2020, nei comitati “post Morandi” scattano i primi posizionamenti

Fabrizio Belotti, dalla “zona arancione” al partito di Irene Pivetti. Ma c’è chi è pronto a scommettere che il contatto fra partiti e reti di attivismo non si fermerà qui

Genova. Il primo a schierarsi apertamente, con diversi mesi di anticipo rispetto alle prossime elezioni regionali, è stato Fabrizio Belotti. L’ormai ex presidente del comitato di abitanti ai confini della zona rossa è diventato, all’inizio di ottobre, il coordinatore genovese di Italia Madre. Per chi non ne avesse mai sentito parlare, è il partito fondato circa un anno fa dalla ex presidente della Camera Irene Pivetti.

Dopo le esperienze in Lega ed Udeur Pivetti ha lanciato l’idea di un partito “diversamente europeista” cercando di sondare i territori per piazzare, all’interno delle liste, nomi “freschi”. La politica si è iniziata a occupare della questione Morandi circa un anno fa con un convegno sul rilancio di Genova (organizzato a Milano).

Fabrizio Belotti, dipendente di Amt, impiegato nel settore commerciale, ha deciso di capitalizzare politicamente la propria breve ma già intensa esperienza nel comitato. Nel giro di pochi mesi ha trattato con presidenti del consiglio, capi di partito, sindaci, commissari e presidenti di regione la partita degli indennizzi per chi abita al confine con il cantiere del Morandi, ottenendo rimborsi economici e visibilità. Qualche altra figura di raccordo tra comitati e politica ha fatto dell’ironia.

Antonella Marras, co-coordinatrice de L’altra Liguria insieme a Danilo Zannoni, già candidata per Chiamami Genova, da sempre in prima linea nelle lotte che hanno caratterizzato la Valpolcevera – e i quartieri di Fegino e Borzoli in particolare – non sembra essere molto convinta della rappresentatività di Belotti. Come si legge in questo post su Facebook.

E mentre il comitato degli abitanti ai confini della zona rossa nomina un nuovo presidente – Antonio Lillo – si aprono le ipotesi su chi ritroveremo, nei prossimi mesi, nelle liste elettorali.

I bookmaker neppure accettano quotazioni per Franco Ravera, presidente del comitato degli sfollati, forse la figura maggiormente sotto i riflettori e con la più approfondita capacità politica, comunicativa e di mediazione tra quelle emerse dopo la tragica vicenda del Morandi. Qualcuno lo avrebbe visto “bene” candidato con un partito di centrosinistra, a partire dal più classico dei Pd. Alla fine, Ravera, potrebbe sorprendere tutti, però, e tenersi fuori dall’agone per le regionali. Lo stesso potrebbe non valere per altri esponenti dello stesso comitato/associazione.

I partiti potrebbero provare ad attingere fra altre reti di attivismo civile, persone in gran parte già impegnate sul territorio prima del 14 agosto 2018 ma che con il crollo del ponte sono diventate punti di riferimento anche mediatico. Parliamo di gruppi come i Liberi cittadini di Certosa, ma anche di associazioni ambientaliste, pubbliche assistenze, consorzi fra commercianti. Forse è presto per iniziare con il totonomi, ma le scommesse sono già aperte.

COM. STAMPA Fabrizio Belotti sospende momentaneamente la propria carica di Presidente per il Comitato Abitanti Zona Rossa – Genova

Genova, 13 ottobre – A seguito dell’incarico ricevuto in data 3 Ottobre dall’Onorevole Irene Pivetti come Coordinatore della provincia di Genova per il partito Italia Madre, sospendo la mia carica da Presidente del Comitato per incompatibilità di ruolo. Da oggi assumerà la nuova carica di Presidente del Comitato abitanti ai confini della zona rossa il Dott. Antonio Lillo.

Un grazie di cuore ad Antonio ed un in bocca al lupo, Fabrizio Belotti.

Green Economy: un piano per lo sviluppo internazionale

Alcune immagini video della terza edizione del Forum Internazionale sulla #greeneconomy a Minsk.
Nel 2016 è stato approvato il primo piano Piano Nazionale per lo Sviluppo dell’Economia Verde che pone importanti obiettivi di diversificazione energetica entro il 2020. Il Piano prevede agevolazioni per le rinnovabili, lo sviluppo di nuovi sistemi di gestione integrata dei rifiuti e la costruzione di impianti di pirolisi, l’incentivazione di un’edilizia sostenibile, maggiore attenzione per energia rinnovabile, per l’agroindustria (zootecnia e biomasse) e per le smart cities.
Per massimizzare le opportunità d’affari delle imprese partecipanti, quest’anno il Forum è stato organizzato all’interno della principale fiera bielorussa dedicata all’energia e all’ecologia: “Energy Expo”, cui hanno partecipato circa 300 società da 24 Paesi per un’affluenza stimata di 12 mila persone. Grazie davvero a tutti i partecipanti e a tutti gli organizzatori, e un grazie a tutte le imprese italiane che lavorano sodo ogni giorno per la causa.

 

Inoltre siamo stati a Brest con il Vice Governatore Andrei Klets e #Confindustria Belarus per approfondire le opportunità logistiche del Distretto Italiano nella zona franca. Sempre al fianco delle imprese italiane!
Assoferr

L'immagine può contenere: 4 persone, persone che sorridono, persone in piedi e vestito elegante

L'immagine può contenere: 4 persone, persone che sorridono, persone in piedi e vestito elegante

IRENE PIVETTI A MINSK PER IL III FORUM SULLA GREEN ECONOMY: “L’ITALIA VOLA”

Minsk – Irene Pivetti, Presidente di Only italia, Assoferr e del partito Italia Madre é tra gli ospiti di eccellenza della terza edizione del forum internazionale sulla green economy: ” Ho voluto essere presente al III Forum italo-bielorusso sulla #greeneconomy, per testimoniare l’importanza del nostro impegno nel promuovere e fare crescere le imprese italiane nel mondo. Invece di fare chiacchiere demagogiche e strumentali, invece degli slogan di #Greta -prosegue- le imprese italiane coraggiose e forti esportano le loro tecnologie ambientali anche in Bielorussia. Oltre 800 milioni di export nel 2018, 65% dei quali rappresentati dalla meccanica: l’impegno italiano in Bielorussia continua a crescere! È ora di prendere coscienza che, nonostante tutti i suoi problemi, l’Italia è e resta un paese leader, capace di portare sviluppo e qualità, anche e soprattutto nelle tecnologie innovative.

Grazie a #Confindustria Bekarus e alla Camera di Commercio Italo Belorussa per aver promosso il Forum, grazie a tutti gli imprenditori italiani che, con sacrificio, tengono alto l’onore del nostro paese col loro lavoro nel mondo.”

https://www.notizieinunclick.com/irene-pivetti-a-minsk-per-il-iii-forum-sulla-green-economy-litalia-vola/

sulla pagina fb “Irene Pivetti” tutte le foto.

FABRIZIO BELOTTI NUOVO COORDINATORE DI ITALIA MADRE GENOVA: CON IRENE PIVETTI PER LA VAL POLCEVERA

Genova – Irene Pivetti, Presidente del Partito Italia Madre ha ufficializzato la nomina del nuovo coordinatore di Genova, Fabrizio Belotti: “Italia Madre ha deciso di credere nella persona di Fabrizio Belotti, la sua vicinanza ai cittadini e la conoscenza capillare del territorio ligure e della provincia saranno il nostro valore aggiunto.”

Fabrizio Belotti, in qualità di coordinatore, parteciperà nei prossimi giorni all’evento per la presentazione del “Genova Masterplan” della società di Stefano Boeri, all’incontro con il sindaco Bucci e i comitati genovesi per affrontare le problematiche relative alle zone limitrofe al Ponte Morandi, e all’evento politico “Italia Riformista” per discutere delle prossime regionali 2020.

E’ importante ora più che mai – afferma Belotti- essere sul territorio e far sentire la nostra vicinanza ai cittadini genovesi. Come coordinatore di Italia Madre Genova, per cui ringrazio la Presidente Irene Pivetti, ho intenzione di approfondire le problematiche relative alla Val Polcevera, ascoltando le esigenze della cittadinanza e cercando di capire come svilupparle da un punto di vista sociale, logistico ed economico.

Altro argomento che mi sta particolarmente a cuore è la tutela della salute delle persone e dell’ambiente nelle zone interessate perché le condizioni, come sappiamo, risultano attualmente critiche. Infine, Italia Madre intende portare avanti anche il tema della viabilità e delle strutture di servizio per il cittadino, studiandone le dinamiche di sviluppo rispetto alla morfologia territoriale, inevitabilmente cambiata dopo il crollo del Ponte. Il mio staff è già al lavoro per mettere a disposizione dei cittadini tutte le energie e risorse possibili”.