Salvini incontra le imprese. Pivetti (Assoferr), nel Dossier Confetra sulla Legge di Stabilità le priorità per il cargo ferroviario (FERPRESS)

Salvini incontra le imprese. Pivetti (Assoferr), nel Dossier Confetra sulla Legge di Stabilità le priorità per il cargo ferroviario

Salvini incontra le imprese. Pivetti (Assoferr), nel Dossier Confetra sulla Legge di Stabilità le priorità per il cargo ferroviario

(FERPRESS) – Roma, 15 LUG – C’è un elenco delle priorità di ASSOFERR nel quadro del ridisegno della legge di stabilità e alla vigilia della rinegoziazione dei Corridoi Europei di cui Confetra ha  parlato nel corso dell’incontro che si è svolto oggi con il Vice premier Salvini. La confederazione nei prossimi giorni presenterà un proprio dossier sulle necessità del mondo dei Trasporti e della Logistica che rappresenta.

“All’interno di questo dossier ASSOFERR suggerirà quelle che devono essere le priorità imprescindibili per quanto attiene il cargo ferroviario merci – dichiara Irene Pivetti presidente di ASSOFERR- ed in particolare  è necessario e imprescindibile rifinanziare il Ferrobonus per renderlo finalmente e stabilmente una misura strutturale per il settore”.

“Analogamente – prosegue Pivetti – va riconfermato anche lo sconto traccia garantendo con trasparenza il ribaltamento a favore della clientela. Altre misure fondamentali devono riguardare il recupero del traffico convenzionale e del diffuso, così come quello delle merci pericolose. Queste tipologie di traffico sono di valore assoluto e strategico per l’Industria. Da non dimenticare infine le infrastrutture fondamentali per l’alimentazione del traffico ferroviario merci, cioè i raccordi industriali e terminalistici, dove occorre una politica di defiscalizzazione premiale per gli investimenti privati in nuovi raccordi e recupero di quelli già esistenti.”

“Tutte queste misure – conclude Irene Pivetti – devono potersi concepire in un quadro normativo più semplice di quello attuale per consentire al mercato una più efficiente e immediata applicazione”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *